LUNEDì 09 Dicembre 2019 - Aggiornato alle 13:56

Home » » Stazione Tarquinia inaccettabile, Conversini scrive a Rfi

 

Stazione Tarquinia inaccettabile, Conversini scrive a Rfi

VIDEO

TARQUINIA – L’ascensore non è mai entrato in funzione. Infiltrazioni d’acqua rendono un pericolo il sottopasso sempre invaso da pozze d’acqua. I bagni sono chiusi; mancano gli scivoli per disabili ed è pertanto impossibile per una persona in carrozzella raggiungere i treni o uscire dai binari. Per non parlare poi di un quadro elettrico a ridosso di infiltrazioni che rendono pericolosissima l’area, maniglie rotte e opere incomplete con corrugati sui muri e pavimenti aperti che attendono l’applicazione di non ben specificati strumenti. Per non dire poi dell’assenza totale di un’area ristoro, corse che il più delle volte finiscono a Civitavecchia con gravi disagi per i tanti pendolari. Il parcheggio poi è decisamente sottodimensionato. Ben venuti alla stazione di Tarquinia: un terminal preso per i capelli dal rischio soppressione, e risorto solo ‘’grazie’’ alla chiusura di una più piccola stazione del Viterbese, e inaugurato appena un anno fa, dopo un generale intervento di restyling che a dire di molti - pendolari e tecnici -, lascia molti dubbi sulle opere realizzate. A mettere in evidenza la situazione, è il candidato sindaco del Movimento civico Maurizio Sandro Conversini che ha preso carta e penna per scrivere alle Rfi una raccomandata sulla inaccettabile situazione della stazione. Conversini è pronto a dare battaglia a suon di ordinanze, in caso di vittoria al governo della città, fino a che tutte le criticità della stazione ferroviaria non saranno risolte. 
“E’ stato mio figlio a segnalarmi il problema alla stazione di Tarquinia dove all’apparenza tutto sembra nuovo ma allo stato dei fatti non è affatto funzionale. La basaltina faceva un’ottima figura, poi lunedì siamo venuti ad incontrare i pendolari e abbiamo verificato tutti i problemi. Oggi servirebbe un ampliamento del parcheggio per permettere ai sempre maggiori pendolari di lasciare la propria macchina. O diversamente, sarebbe necessario che la Regione incrementasse le corse degli autobus. I pendolari della provincia di Viterbo, a differenza di quelli di Roma, non possono beneficiare di un aiuto sul costo degli abbonamenti. Eppure dalla stazione di Tarquinia partono pendolari anche di Tuscania, Canino e Viterbo per raggiungere Grosseto. La cosa più preoccupante è poi l’assenza di un punto di ristoro che può creare un’area di incontro e per lo stazionamento di persone. I bagni sono chiusi e il motivo non è ancora chiaro. L’ascensore dovrebbe essere per i disabili ma non funziona; dovrebbe inoltre essere in acciaio inossidabile ma non lo è, basta vedere la corrosione già avanzata. Nessuno ha mai collaudato questo ascensore”.
A rimarcare le criticità sono stati anche i candidati consiglieri della lista Movimento Civico, Gianni Parri e Sandro Vallesi. “Parri è fortunato perché possiede mezzi propri per spostarsi – ha detto Conversini -, ma se dovesse prendere il treno dovrebbe avere una squadra che lo sostiene per permettergli di salire sul convoglio”. 
“Questo ascensore rappresenta uno scempio di denaro pubblico,- ha detto Parri -  Gli ascensori non funzionano perché i motori sono stati collocati in un piano seminterrato. Sono peraltro state tolte le rampe molto lunghe che prima consentivano ai disabili di raggiungere e percorrere il sottopasso e il binario. Hanno tolto le rampe ma l’ascensore non funziona. Ma noi abbiamo gli stessi diritti degli altri cittadini. Quelle rampe erano un’opportunità più agevole anche per chi si spostava con valigie pesanti. Adesso invece i pendolari sono costretti a sollevare di peso le valigie per fare le scale.”. 
“Per il restyling di questa stazione hanno speso tre milioni di euro – ha sottolineato Vallesi -  ma non si riesce a renderla funzionale”.
“Basta poi scendere nel sottopasso per trovarsi impantanati in una sorgente di acqua che è alimentata in continuazione anche se non piove.- ha concluso Conversini -  Figuriamoci quando piove. Tutte carenze che ci auguriamo che vengano rapidamente sanate. E se noi saremo eletti daremo battaglia con tutte le ordinanze possibili”.
VIDEO

(17 May 2019 - Ore 20:27)

Commenti

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

Commenti

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.
Archivio PDF

LA PROVINCIATV

Inviaci le tue foto
Meteo Lazio

NOTIZIE DALLE AZIENDE

ENERGIA E AMBIENTE

ROMA E REGIONE

ITALIA E MONDO



Quotidiano telematico fondato nel 1999 da Massimiliano Grasso - © Copyright Retimedia, c.f. 10381581007 - Reg. Trib. di Civitavecchia n° 2/2000 del 30/8/00 - ISSN 2037-9471 - Direttore responsabile Luca Grossi
Riproduzione riservata.
E' vietato ogni utilizzo di testi, foto e video senza il consenso scritto dell'editore - Privacy Policy