Home » » Spunta una nuova antenna: il Tar accoglie il ricorso di Iliad

 

Spunta una nuova antenna: il Tar accoglie il ricorso di Iliad

CIVITAVECCHIA - Il Tar del Lazio avrebbe accolto il ricorso di Iliad - società francese che opera nel campo delle telecomunicazioni - basato su una nota del settembre 2018 con cui lo Sportello Unico delle Attività Produttive di Civitavecchia aveva comunicato all’operatore il divieto di prosecuzione della sua attività di installazione di una nuova stazione radio base. L’intenzione della società, infatti, era quella di installare un ripetitore sul territorio comunale. Iliad ha fatto notare di aver presentato una Scia al Comune e all’Arpa Lazio di riferimento, congiuntamente alla proprietaria dell’infrastruttura, la società Galata, per l’installazione di tre antenne e tre parabole. Arpa, a quanto pare, aveva espresso un parere favorevole, ma il Comune aveva ritenuto sussistenti i presupposti per sospendere il procedimento in autotutela; decisione contestata proprio da Iliad. L’operatore infatti aveva ritenuto illegittimo il provvedimento, per erronea applicazione del regolamento comunale in tema di errata collocazione dell’impianto, e per la pretesa della presentazione di una polizza di assicurazione per un massimale di 12 milioni di euro contro danni alle persone o alle cose derivanti dai lavori di Iliad. Il TAR ha ritenuto il ricorso di Iliad fondato, in quanto l’intervento in questione era finalizzato all’installazione di una nuova stazione radio da posizionarsi sulla struttura porta antenne dell’azienda Galata, previo adeguamento della stessa. L’intervento del Comune, basato sul proprio regolamento, ha invece considerato l’impianto già esistente; in caso di costruzione di un nuovo impianto, invece, non erano presenti preclusioni assolute in merito alla sua collocazione. Nell’accogliere il ricorso, dunque, il TAR ha stabilito con sentenza del 22 Agosto 2019 che vadano annullati il divieto di prosecuzione dell’attività e l’obbligo di rimuovere gli eventuali “effetti dannosi dell’attività”. Il Comune di Civitavecchia dovrà inoltre rifondere a Iliad le spese di giudizio pari a 1500 euro.

 

(24 Ago 2019 - Ore 19:43)

Commenti

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

Commenti

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.
Archivio PDF

LA PROVINCIATV

Inviaci le tue foto
Meteo Lazio

NOTIZIE DALLE AZIENDE

ENERGIA E AMBIENTE

ROMA E REGIONE

ITALIA E MONDO



Quotidiano telematico fondato nel 1999 da Massimiliano Grasso - © Copyright Retimedia, c.f. 10381581007 - Reg. Trib. di Civitavecchia n° 2/2000 del 30/8/00 - ISSN 2037-9471 - Direttore responsabile Luca Grossi
Riproduzione riservata.
E' vietato ogni utilizzo di testi, foto e video senza il consenso scritto dell'editore - Privacy Policy