VENERDì 22 Marzo 2019 - Aggiornato alle 23:54

Home » » Programmatori, chiuso il corso su sicurezza e salute

 

Programmatori, chiuso il corso su sicurezza e salute

CARDARELLI. Anche quest’anno gli alunni del  V anno hanno incontrato la Ceme  
 

TARQUINIA -  Gli alunni del V anno di Amministrazione Finanza e Marketing (indirizzo programmatori) anche quest’anno hanno finito il corso per il rilascio dell’attestato MOD A TU sulla sicurezza.“Sono moltissimi anni che l’I.I.S.S. “V. Cardarelli” organizza corsi per la sensibilizzazione degli studenti alle norme poste a tutela della salute dei lavoratori,-  riferisce il professor Franco Capoccia, referente del corso,-  quest’anno hanno conseguito il diploma 22 discenti con una formula innovativa rispetto a quello che abbiamo fatto negli anni passati; nello specifico siamo entrati a far parte, come scuola capofila, di un progetto che ha coinvolto altre due strutture scolastiche nel viterbese con una serie di corsi tenuti sui tre anni finali del corso di studi: nello specifico 10 ore nel terzo anno, 10 nel quarto e 12 nel  V anno al termine del quale è stato somministrato un test finale di conoscenza valido come primo step per il rilascio dell’attestato MOD A TU sicurezza. L’altro step è, ovviamente, il superamento dell’esame di Stato”. “Devo ringraziare come sempre tutto lo staff del Servizio PISL della ASL di Viterbo – continua il professor Capoccia - che con la professionalità e la competenza di sempre hanno svolto le lezioni. In particolare hanno organizzato un incontro presso la Ceme spa una delle poche realtà industriali del nostro territorio, che ci hanno gentilmente ospitato al fine di far toccare con mano agli studenti le eventuali problematiche sulla sicurezza che possono insorgere quando si lavora in una fabbrica.  La dirigente Laura Piroli ha sempre creduto in questo progetto che tra l’altro vale anche ai fini dell’alternanza scuola lavoro, sia per l’importanza sociale dello stesso, teso a far prendere coscienza e conoscenza dei diritti e delle tutele che le aziende devono mettere a disposizione dei loro dipendenti, sia come possibile ulteriore sbocco lavorativo, in quanto terminati gli studi con il completamento degli altri moduli necessari ovvero B e C  gli alunni potrebbero intraprendere l’attività di rilevatore dei rischi aziendali».

(08 Feb 2019 - Ore 22:56)

Commenti

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

Commenti

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

PRIMA PAGINA WEBTV

Inviaci le tue foto
Meteo Lazio

NOTIZIE DALLE AZIENDE

ENERGIA E AMBIENTE

ROMA E REGIONE

ITALIA E MONDO

archivio articolo 1999 - 2005



Quotidiano telematico fondato nel 1999 da Massimiliano Grasso - © Copyright Retimedia, c.f. 10381581007 - Reg. Trib. di Civitavecchia n° 2/2000 del 30/8/00 - ISSN 2037-9471 - Direttore responsabile Luca Grossi
Riproduzione riservata.
E' vietato ogni utilizzo di testi, foto e video senza il consenso scritto dell'editore - Privacy Policy