LUNEDì 17 Dicembre 2018 - Aggiornato alle 19:26

Home » » ''Non abbassiamo la guardia''

 

''Non abbassiamo la guardia''

IMPIANTI RIFIUTI. Lo dice Massimo Climati dei Comitati Uniti. «Prevista un’assemblea pubblica per il 26 prossimo»   

di TONI MORETTI

CERVETERI - Nonostante da anni Cerveteri si sia battuta per la chiusura dell’impianto per lo smaltimento dei rifiuti di Cupinoro, denunciandone in vari episodi la pericolosità per la salute dei cittadini, non ultimo il pericolo dell’inquinamento delle falde acquifere, nonostante la città di Cerveteri  abbia più volte espresso la sua volontà di voler uscire dal giro vizioso di un problema che in fondo riguarda soltanto la Capitale che negli anni, nonostante le amministrazioni che si sono succedute, non è riuscita a rendersi  autosufficiente con la gestione dei suoi rifiuti, visto che ha comunque un territorio molto esteso dove una seria programmazione e una precisa filosofia di gestione del fenomeno, avrebbe potuto escludere che porta ora la Città Metropolitana a tornare alla carica, individuando nel territorio metropolitano, per esempio in Allumiere, Cerveteri, Fiumicino e Riano  aree ‘’idonee’’ per i nuovi impianti della spazzatura: discariche, inceneritori, centri di trattamento. E sopperire al suo bisogno di trovare un nuovo sito per il conferimento dei rifiuti per tirarsi fuori dall’emergenza cominciata nel 2013 con la chiusura della discarica di Malagrotta. Secondo il sindaco Raggi quindi, bisognerebbe far fede a quanto messo a punto dai tecnici provinciali con le cosiddette aree bianche’ dove cioè si potrebbero aprire nuovi impianti come Fiumicino e Cerveteri, o quelle dove sono presenti ‘’cave non in esercizio’’ come Allumiere, Riano e una zona al confine tra Roma e Zagarolo. Luca Massimo Climati infaticabile animatore dei Comitati Uniti  che tante battaglie ha condotto contro la riapertura di Cupinoro e a qualsiasi tentativo di riconversione, sentito in proposito dichiara che i comitati non hanno mai creduto, nonostante le promesse , che avessero  rinunciato al proposito di individuare nel territorio metropolitano siti da attrezzare a nuove discariche o ad impianti di riconversione che sopperisse al grosso problema che  la chiusura di Malagrotta ha creato alla Capitale.  
«Noi - dice Climati - non abbiamo abbassato la guardia e non molleremo mai, tanto che già il 26, in associazione, ci sarà un’assemblea pubblica dove si discuterà dell’argomento e si decideranno le iniziative da prendere. Questa volta, la reazione e la partecipazione popolare deve essere  torrentizia. Lo richiede il nostro ambiente, i nostri figli, la nostra dignità di cittadini che già tanto hanno dato, tanto hanno sofferto e non vogliono vedere sporcato il territorio da politiche e traffici innaturali e incomprensibili».

 

(10 Ott 2018 - Ore 15:22)

Commenti

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

Commenti

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

PRIMA PAGINA WEBTV

Inviaci le tue foto
Meteo Lazio

NOTIZIE DALLE AZIENDE

  • Luci e ombre della Multiservizi

    15 Dic 2018 - Al conseguimento di utili si contrappone il disagio delle maestranze delle farmacie comunali. Da tempo lamentano condizioni di lavoro gravato da turni impossibili a causa di personale licenziato o pensionato che non è stato mai reintegrato; tagli persino sui buoni pasto e mancato riconoscimento dei premi di produzione   

ENERGIA E AMBIENTE

ROMA E REGIONE

ITALIA E MONDO

archivio articolo 1999 - 2005



Quotidiano telematico fondato nel 1999 da Massimiliano Grasso - © Copyright Retimedia, c.f. 10381581007 - Reg. Trib. di Civitavecchia n° 2/2000 del 30/8/00 - ISSN 2037-9471 - Direttore responsabile Luca Grossi
Riproduzione riservata.
E' vietato ogni utilizzo di testi, foto e video senza il consenso scritto dell'editore - Privacy Policy