Home » » Ladispoli, invasione di serpenti nei fiumi e nei giardini

 

Ladispoli, invasione di serpenti nei fiumi e nei giardini

Gli esperti: "sono innocui, non uccideteli"

LADISPOLI - Bisce d’acqua, saettoni e frustoni. Rettili avvistati nelle aree verdi, nei canali e persino recuperati nelle cantine e nei garage. Come accaduto a Ladispoli la scorsa settimana e a Cerveteri domenica scorsa dove una serpe si era infilata persino sotto al tavolo in casa mentre una famiglia si era seduta per il pranzo. Nessuna paura però per gli esperti e le guardie ambientali che in questi giorni sono entrati in servizio sulla costa. Il comune ladispolano era stato costretto anche ricorrere anche ad una nota ufficiale per rassicurare i cittadini. “Sono pervenute parecchie segnalazioni sull’avvistamento di serpi nei pressi del fosso Vaccina che costeggia i giardini di via Firenze, – aveva riportato il comunicato di Palazzo Falcone – non c’è nulla di anomalo nel trovare presso i fiumi le più comuni bisce d’acqua o bisce dal collare, diffuse ovunque in Italia, di indole mansueta e per niente aggressive”. (agg. 06/06 ore 8.35) segue

A LADISPOLI NON SOLO SERPI MA ANCHE BIACCHI. UN ESEMPLARE RITROVATO DENTRO UNA CASA. Non è passato molto tempo, però, dalle rassicurazioni, a quando sono iniziati a spuntare anche altri esemplari. Un abitante si è trovato un serpente in casa. “Era un biacco, – testimonia il signor Franco - una specie inoffensiva e molto piccola: si fingeva morto ed emanava un odore sgradevole per allontanare eventuali predatori. In questi giorni i biacchi vanno in amore e intorno al fiume Vaccina se ne vedono molti. Non fanno male a nessuno e non mordono”. Dello stesso avviso il biologo e consigliere comunale dei Cinque Stelle, Antonio Pizzuti Piccoli. “In questi giorni ne abbiamo recuperati diversi – racconta Pizzuti – sono indicatori biologici di buona qualità ambientale. Questi serpenti fanno parte dell’ecosistema solo che la gente li stermina. Esiste una legge regionale perché sono animali protetti, chi li uccide rischia penalmente. Nell’oasi naturale del Bosco di Palo esistono rettili incantevoli e innocui. C’è ad esempio il cervone, il più grande serpente europeo lungo anche due metri e mezzo. Noi li difendiamo soprattutto dall’uomo”. (agg. 06/06 ore 9)

SERPENTI NON SOLO VICINO AI FOSSI MA ANCHE VICINO A UN GIARDINO PUBBLICO. Non solo frustoni e saettoni visto che nei canali Sanguinara e Vaccina procede a zig zag anche il serpente aglifo della famiglia dei Colubridi. Massima attenzione comunque da parte dei volontari della guardie zoofile Nogra di Ladispoli, così come quelle di Cerveteri. Mentre segnalazioni sono giunte persino nel quartiere residenziale Miami per via di un altro rettile trovato senza vita su un marciapiede, a poca distanza da un giardino dove giocano i bambini. (Agg. 06/06 ore 9.30)

(06 Giu 2018 - Ore 08:35)

Commenti

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

Commenti

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

PRIMA PAGINA WEBTV

Inviaci le tue foto
Meteo Lazio

NOTIZIE DALLE AZIENDE

  • Luci e ombre della Multiservizi

    15 Dic 2018 - Al conseguimento di utili si contrappone il disagio delle maestranze delle farmacie comunali. Da tempo lamentano condizioni di lavoro gravato da turni impossibili a causa di personale licenziato o pensionato che non è stato mai reintegrato; tagli persino sui buoni pasto e mancato riconoscimento dei premi di produzione   

ENERGIA E AMBIENTE

ROMA E REGIONE

ITALIA E MONDO

archivio articolo 1999 - 2005



Quotidiano telematico fondato nel 1999 da Massimiliano Grasso - © Copyright Retimedia, c.f. 10381581007 - Reg. Trib. di Civitavecchia n° 2/2000 del 30/8/00 - ISSN 2037-9471 - Direttore responsabile Luca Grossi
Riproduzione riservata.
E' vietato ogni utilizzo di testi, foto e video senza il consenso scritto dell'editore - Privacy Policy