Home » » La roja deve uscire dal tunnel

 

La roja deve uscire dal tunnel

CALCIO A 5, SERIE C2

Dopo un avvio da promozione diretta con tre vittorie su altrettanti incontri, nell’ordine Buenaonda Blue Green e Td Santa Marinella, il susseguente pareggio arrivato in maniera  funambolica con la Virtus Monterosi, ne aveva già all’epoca, in parte, segnato i limiti di questa squadra. Da lì in avanti, con una Coppa Lazio abbandonata forse precocemente, ha pesato come un macigno la cinquina dell’andata rimediata in casa della Nuova Cairate, una serie di risultati altalenanti che ha delineato un buon trend tra le mura amiche, ma sempre sconfitta fuori casa, ha di fatto segnato il passo di questa compagine.
Formazione d’esperienza visto che questo genere di campionati i giocatori ne hanno giocati, ad esempio Cerrotta è arrivato fino alla serie A, e con una media dell’età tra le più alte di questa categoria che non ha giovato nel controllo delle gare sotto l’aspetto psicologico. Di questo e tanto altro ne ha parlato con il capitano della Cpc2005 di calcio a 5 Alessandro Petretto.
Alessandro Petretto, è un momento strano per questa compagine, un avvio ottimo poi qualcosa è cambiato. 
«Diciamo strano, ma più che altro direi che è un momento difficile. Rispetto alla partenza dove tutto sembrava facile nelle ultime quattro ne abbiamo vinta una sola, e perso malamente le altre tre. Secondo me è una questione di testa e la riprova è nella gara col Vallerano: in vantaggio per cinque a due a sei minuti dalla fine non siamo riusciti poi a mantenere quella concentrazione. Sono tante le concomitanze poi in una gara, a partire dagli arbitri che si fanno intimorire facilmente dal pubblico, anche se sia chiaro non è una scusante questa. La verità è che fuori casa abbiamo sempre tentennato: col Vallerano in sei minuti abbiamo preso cinque gol senza farne nemmeno uno, e non è colpa di nessuno se non dell’approccio».
La Cpc2005 ha una rosa competitiva e questo affanno, secondo lei, è più un problema mentale o di categoria?
«La rosa è competitiva e basta leggere i nomi dei giocatori che la compongono per rendersene conto. Ha magari un’età media alta rispetto a tante squadre, ma allo stesso tempo c’è tanta esperienza da mettere in campo. Purtroppo è una questione mentale perché tanti di noi sono venti anni che calpestano questi campi, con categorie anche superiori alla serie C2. Ci è mancata quella forza psicologica in alcune gare che ci avrebbe permesso di portare  a casa risultati differenti».
All’inizio di stagione nessuno ha chiesto il salto di categoria, ma forse i primi risultati hanno un po’ illuso. Che squadra è la Cpc?
«È vero nessuno lo ha chiesto o messo in preventivo di vincere il campionato. Questa è una squadra nata la passata stagione da una mia idea e di Marco Dominici. L’anno scorso abbiamo ottenuto il salto di categoria e all’inizio della stagione abbiamo rimpinguato la rosa per fare bene, null’altro. Poi le prime vittorie ci hanno fatto capire che potevamo competere con tutti, con gli ultimi risultati che non ci hanno fatto ricredere ma ci hanno messo in guardia in questo prosieguo. È un girone equilibrato vedendo come si è svolto il campionato finora, tutto è ancora in ballo. Però il risvolto della medaglia, visto l’equilibrio in tante gare, ci obbliga a stare attenti: è vero che i playoff sono ora a un solo punto, ma anche i palyout sono vicini, essendo di sole cinque  lunghezze la distanza che ci separa dalla zona rossa. Un occhio sempre dietro anche se speriamo di arrivare tra le prime tre e giocarci poi il playoff promozione».
Ora, con il Blue Green, sarà obbligatorio vincere.
«Non c’è da pensarlo nemmeno un risultato differente dalla vittoria. Veniamo da tre sconfitte consecutive, giochiamo in casa, e quindi bisogna vincere e convincere. Sono certo che faremo una grande gara cancellando questo ultimo mese. Perdere forse significherebbe abbandonare l’idea playoff, l’aspetto mentale avrebbe il sopravvento e non deve accadere. C’è la voglia immediata di rifarsi e non ho nessun dubbio, va messa solo in campo tutta quella determinazione e voglia che abbiamo dentro».

(24 Gen 2018 - Ore 19:50)

Commenti

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

Commenti

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

PRIMA PAGINA WEBTV

Inviaci le tue foto
Meteo Lazio

NOTIZIE DALLE AZIENDE

ENERGIA E AMBIENTE

ROMA E REGIONE

ITALIA E MONDO

archivio articolo 1999 - 2005



Quotidiano telematico fondato nel 1999 da Massimiliano Grasso - © Copyright Retimedia, c.f. 10381581007 - Reg. Trib. di Civitavecchia n° 2/2000 del 30/8/00 - ISSN 2037-9471 - Direttore responsabile Luca Grossi
Riproduzione riservata.
E' vietato ogni utilizzo di testi, foto e video senza il consenso scritto dell'editore - Privacy Policy