Home » » La Cilp ricorre alla cassa integrazione

 

La Cilp ricorre alla cassa integrazione

La crisi dell’automotive ha portato la storica cooperativa portuale ad avviare le procedure per tutte le 92 unità. Il presidente Massimo Soppelsa: "Con la riduzione del 50% del traffico le nostre giornate di lavoro sono drasticamente diminuite". Il segretario della Filt Cgil Alessandro Borgioni richiama i vertici dell’Adsp e chiede con urgenza la convocazione di un tavolo

CIVITAVECCHIA - Novantadue persone in cassa integrazione. È questa la strada che ha intrapreso la cooperativa Cilp, storica impresa portuale di Civitavecchia. La conferma arriva direttamente dal presidente Massimo Soppelsa che ha sottolineato le difficoltà lavorative che hanno investito negli ultimi mesi lo scalo, ed in particolare il settore dell’automotive.

Il campanello di allarme c’è stato già diverso tempo fa. Ma oggi la situazione sembra essere peggiorata e precipitata. La Cilp parla di una riduzione del traffico del 50%. Cancellati, in sostanza, i treni provenienti dallo stabilimento Fca di Melfi, dirottati a quanto pare a Gioia Tauro. “Rimangono oggi le auto provenienti da Cassino – ha spiegato Soppelsa – le Alfa Romeo che hanno un ottimo appeal sul mercato americano”. Ma questo non basta. “Un pugno allo stomaco ad inizio luglio – ha aggiunto il presidente della Cilp – abbiamo cercato di tamponare la situazione con i nostri strumenti, ricorrendo a ferie e quant’altro. Ma oggi non è più possibile continuare così. Qualcosa non ha funzionato tra armatore e porto, le nostre giornate di lavoro sono drasticamente diminuite e quindi, a malincuore, abbiamo attivato le procedure per poter avviare per tutte le 92 unità la cassa integrazione a rotazione; un modo per cercare di non mandare a casa nessuno”. Soppelsa accenna ad una sofferenza generale a cui occorre porre rimedio, attraverso un serio confronto con le istituzioni. “Abbiamo più volte chiesto incontri con i vertici dell’Authority – ha aggiunto – senza alcun effetto. Non vogliamo perdere alcun posto di lavoro”.

A fargli eco il segretario della Filt Cgil Alessandro Borgioni, il quale ha puntato il dito contro quella che ha definito "una sorta di immobilismo sul fronte della programmazione e progettazione da parte di Molo Vespucci. Oggi più che mai – ha spiegato – occorre parlare di lavoro. E mi sembra che il presidente Di Majo sia disattento su questo tema. La comunicazione da parte della Cilp dell’avvio dello stato di crisi è un segnale da non sottovalutare. Anzi. Sicuramente in settimana chiederemo l’apertura di un tavolo di confronto urgente con l’Autorità di Sistema portuale per discutere di questa vertenza. Abbiamo avuto modo di parlare più volte con la segretaria generale, ma attendiamo ancora di incontrare il presidente. Ci chiediamo come si possa dirigere uno scalo del genere senza pensare – ha concluso Borgioni – a progettare e programmare lo sviluppo”.

(05 Ago 2017 - Ore 19:30)

Commenti

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

Commenti

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.
Civitavecchia, L'occhio

Due nel blu (foto Angela Pierucci)

PRIMA PAGINA WEBTV

Inviaci le tue foto
banner CivonSale
Meteo Lazio

NOTIZIE DALLE AZIENDE

ENERGIA E AMBIENTE

  • "Gli addetti al servizio superiori al previsto"

    19 Set 2017 - AMBIENTE. Quanto afferma la Camassambiente in una nota inviata all’ufficio competente del comune di Cerveteri. L’azienda  giustifica così il mancato rinnovo contrattuale ai lavoratori assunti per esigenze estive. La città rimane comunque sporca e non si fa attenzione al rispetto del disciplinare tecnico sottoscritto

  • Arpa: "Migliora l’aria della città"

    18 Set 2017 - Dalle osservazioni effettuate dal 4 al 10 settembre risultano nei limiti le sostanze inquinanti. Buono anche il riscontro relativo alle polveri sottili e al monossido di carbonio. Molto significativo secondo i dati dell’agenzia regionale per la protezione ambientale il dato relativo all’ozono 

ROMA E REGIONE

ITALIA E MONDO

archivio articolo 1999 - 2005

Quotidiano telematico fondato nel 1999 - Editore SEAPRESS srl, c.f. 06832231002
Reg. Trib. di Civitavecchia n° 2/2000 del 30/8/00 - ISSN 2037-9471
Direttore responsabile Massimiliano Grasso - © Copyright 1999-2017 SEAPRESS - Privacy Policy