GIOVEDì 21 Marzo 2019 - Aggiornato alle 23:00

Home » » Italcementi, Pepe (FdI): ''Coinvolgeremo i cittadini su come sfruttare l’area''

 

Italcementi, Pepe (FdI): ''Coinvolgeremo i cittadini su come sfruttare l’area''

Lo promette il delegato all’ambiente del circolo Borsellino e avvisa: “Demolire necessita assoluta cautela” 

CIVITAVECCHIA - “A ridosso dell’ennesimo passaggio del testimone amministrativo, la città sembra stia per cambiare volto. Dopo più di 100 anni dalla sua messa in opera, il cementificio di Civitavecchia sta per essere demolito”.

Lo dichiara Elisa Pepe, delegata ambiente del circolo FdI Paolo Borsellino di Civitavecchia che interviene sull’imminente avvio dei lavori nel sito ex Italcementi. Per il rappresentante di Fratelli d’Italia si tratta di una questione che è “da almeno venti anni uno dei problemi irrisolti di questa città. Un sito dismesso che occupa una porzione di territorio fondamentale per la vivibilità dei civitavecchiesi. Fiumi di parole sono state dette e altrettante sono state scritte: parco pubblico, zona residenziale. Nessuno però fin qui è riuscito a liberare la città da questo ecomostro. Ora – prosegue Pepe - l’amministrazione pentastellata afferma di aver risolto la questione e che presto cominceranno i lavori”.

Il delegato all’ambiente del circolo FdI si augura che non si tratti dell’ennesimo  “proclama pre-elettorale, sarebbe un evento importante per Civitavecchia, sovraccaricata di responsabilità dal punto di vista ambientale. Ma il binomio tra progresso industriale-tecnologico e salvaguardia ambientale non può e non deve essere un aut aut, potendo oggi godere di importanti mezzi. Demolire necessita assoluta cautela – avverte Pepe - al fine di difendere l’incolumità pubblica ambientale. Un'attenta analisi dei materiali presenti e il pieno rispetto delle norme di sicurezza sigilla la tutela dei lavoratori e della popolazione.  Alla demolizione – tuona - dovrà seguire una accurata bonifica prima di realizzare ogni tipo di progetto sul sito”. 

Pepe si dice fiduciosa, perché questo evento potrebbe segnare un’era che ha visto Civitavecchia subire troppi torti “e l’inizio di una nuova alla ricerca di soluzioni che ossigenino i polmoni della nostra città. A tal proposito Fratelli d'Italia – conclude l’esponente FdI - una volta acquisita la responsabilità di governare la città, coinvolgerà i cittadini su come sarebbe meglio sfruttare tale area, in un percorso di condivisione che segnerà anch'esso un'inversione di tendenza rispetto a quanto accaduto negli ultimi anni”.

(21 Gen 2019 - Ore 15:38)

Commenti

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

Commenti

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

PRIMA PAGINA WEBTV

Inviaci le tue foto
Meteo Lazio

NOTIZIE DALLE AZIENDE

ENERGIA E AMBIENTE

ROMA E REGIONE

ITALIA E MONDO

archivio articolo 1999 - 2005



Quotidiano telematico fondato nel 1999 da Massimiliano Grasso - © Copyright Retimedia, c.f. 10381581007 - Reg. Trib. di Civitavecchia n° 2/2000 del 30/8/00 - ISSN 2037-9471 - Direttore responsabile Luca Grossi
Riproduzione riservata.
E' vietato ogni utilizzo di testi, foto e video senza il consenso scritto dell'editore - Privacy Policy