Home » » Bambini e adolescenti, protocollo d'intesa Unicef-Anci

 

Bambini e adolescenti, protocollo d'intesa Unicef-Anci

Firmato a Roma dai presidenti Francesco Samengo e Antonio Decaro

A Roma presso Anci, l’Unicef Italia e l’Associazione Nazionale dei Comuni Italiani (Anci), hanno firmato un nuovo protocollo di intesa, al 3° rinnovo dopo quelli del 2008 e 2014.

“Grazie alla collaborazione con l’Associazione Nazionale Comuni Italiani siamo sicuri riusciremo a coinvolgere e sostenere i sindaci nella promozione di politiche e azioni concrete per l’infanzia e l’adolescenza a livello locale, in tutti i comuni italiani”, ha dichiarato Francesco Samengo, Presidente dell’Unicef Italia.

 “La sottoscrizione di questo protocollo consolida un rapporto pluriennale di collaborazione tra Anci e Unicef Italia a cui teniamo particolarmente – ha sostenuto Decaro -. I Comuni sono gli enti più vicini ai cittadini e quindi anche a tutti i bambini e le bambine, che vanno ascoltati e i cui diritti vanno tutelati e promossi. I sindaci si muovono sul piano della concretezza e ben sanno che non investire sulle future generazioni è come tagliare il ramo su cui si è seduti”.   

In particolare attraverso il protocollo l’Unicef Italia e l’Anci si impegnano a:

  • favorire una cittadinanza attiva dei bambini e degli adolescenti nella vita delle comunità locali, promuovendo nella programmazione politica delle amministrazioni comunali un’attenzione particolare ai diritti dei minorenni e facendo in modo che nell’elaborazione delle politiche di sviluppo locale si tenga conto del punto di vista dei bambini e dei ragazzi, anche attraverso la valorizzazione del programma UNICEF “Città amiche dei bambini e degli adolescenti” rivolto alle amministrazioni comunali;
  • realizzare iniziative di monitoraggio e raccolta dati, sull’impegno dei Comuni italiani nei confronti dei minorenni, attraverso l’analisi degli investimenti e dei servizi, la valutazione dell’impatto delle scelte di governo amministrativo sui bambini, la raccolta e la diffusione di buone pratiche, la promozione di occasioni di confronto e diffusione delle prassi innovative;
  • promuovere iniziative a sostegno dei minorenni che vivono condizioni di particolare vulnerabilità e svantaggio sociale, quali i minorenni affidati ai servizi sociali, i minorenni che vivono in condizioni di povertà, di sfruttamento, di violenza e di esclusione sociale, i minorenni stranieri non accompagnati;
  • promuovere e incoraggiare iniziative di rilievo nazionale e locale, attraverso le proprie strutture territoriali, sul tema dell’intercultura nelle scuole e contro ogni possibile discriminazione nell’accesso alle classi e ai servizi scolastici; promuovere la realizzazione di incontri e iniziative pubbliche di sensibilizzazione e di formazione sui principi enunciati nella Convezione sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza rivolti agli amministratori .  

(21 Set 2018 - Ore 13:16)

Commenti

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

Commenti

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

PRIMA PAGINA WEBTV

Inviaci le tue foto
Meteo Lazio

NOTIZIE DALLE AZIENDE

  • Luci e ombre della Multiservizi

    15 Dic 2018 - Al conseguimento di utili si contrappone il disagio delle maestranze delle farmacie comunali. Da tempo lamentano condizioni di lavoro gravato da turni impossibili a causa di personale licenziato o pensionato che non è stato mai reintegrato; tagli persino sui buoni pasto e mancato riconoscimento dei premi di produzione   

ENERGIA E AMBIENTE

ROMA E REGIONE

ITALIA E MONDO

archivio articolo 1999 - 2005



Quotidiano telematico fondato nel 1999 da Massimiliano Grasso - © Copyright Retimedia, c.f. 10381581007 - Reg. Trib. di Civitavecchia n° 2/2000 del 30/8/00 - ISSN 2037-9471 - Direttore responsabile Luca Grossi
Riproduzione riservata.
E' vietato ogni utilizzo di testi, foto e video senza il consenso scritto dell'editore - Privacy Policy