Home » » Amministrative Tarquinia, Giulivi: ''Ecco come riqualificheremo la città e il litorale''

 

Amministrative Tarquinia, Giulivi: ''Ecco come riqualificheremo la città e il litorale''

Il candidato sindaco di Lega Salvini, Noi con Tarquinia e Futura Tarquinia spiega alcuni punti del programma «Tarquinia avrà un futuro se saprà gestire bene le proprie  potenzialità e vocazioni»
 

TARQUINIA - ‘’Una città da riqualificare’’. È questo uno degli obiettivi che si è prefissato il candidato sindaco Alessandro Giulivi sostenuto da tre liste: ‘’Lega Salvini’’, ‘’Noi con Tarquinia’’ e ‘’Futura Tarquinia’’. 
«La nuova sfida che le città devono affrontare è legata al tema- progetto dei nuovi metabolismi urbani – spiega Giulivi - Bisogna quindi proporre progetti e scenari di mutamento compatibili con le nuove esigenze e sensibilità, occorre puntare ad una riqualificazione urbana capace di integrare la dimensione della sensibilità economica, pubblica e privata con le sfide di una città più creativa, ecologica, intelligente. E’ necessario avere un’idea precisa di dove una città voglia andare e di cosa la città voglia essere, individuando obiettivi chiari e misurabili per tutte le scelte strategiche che definiscono i percorsi di sviluppo. Tarquinia avrà un futuro se saprà gestire bene le proprie potenzialità e vocazione». 
LA VISION. “E’ fondamentale – spiega Giulivi - quindi avere una ‘’vision’’, ovvero una gestione strategica che indichi la proiezione di uno scenario futuro, che rispecchi gli ideali, i valori e le aspirazioni di chi lo fissa e che attiri investitori e turisti e ricrei la fiducia nei cittadini. Ripartire dalla città significa dunque avere una strategia e promuovere una visione di sviluppo fondata su una diffusa qualità della vita, intesa anche come valorizzazione del territorio e degli edifici, qualità delle relazioni fisiche e immateriali, accessibilità e integrazione sociale. E poi puntare sul corretto utilizzo delle risorse, su opportuni modelli di governance e sfruttare le opportunità locali. Definire quindi un programma di strategie e politiche di rigenerazione urbana sostenibile e di passare poi ad una proposta operativa. Esigenza di un processo di autocritica sulle analisi del passato per giungere ad una veloce attualizzazione dei progetti che non si basi su elementi puramente ideologici, ma sulle nuove condizioni che si sono create in quell’area». 
SMART CITY. «Si stanno affermando nuovi concetti di smart city e di sostenibilità - spiega il candidato sindaco -  che rappresentano le sfide più tecnologiche di riqualificazione urbana e che permettono un diverso incontro tra tecnologia, cultura e rispetto dell’ambiente. Nelle zone urbane ed extraurbane esistono sempre più aree che erano industriali che oggi non essendo più occupate da attività sono definite “aree dismesse”, e uno dei problemi che riguardano il territorio è il loro riutilizzo. “Decostruire”: sentiamo l’esigenza di invertire il concetto di ammassare funzioni sul territorio, considerandolo come struttura vivibile e usabile ed in questo senso crediamo che l’utilizzo “sensato e umano” delle aree dismesse può rappresentare una grande occasione che gli amministratori e cittadini coscienti e motivati “ al bene pubblico ” non devono lasciarsi sfuggire».
LITORALE. Il  litorale di Tarquinia interessa un tratto molto vasto (circa 20 km di costa) che va da Sant’Agostino a località Spinicci. «Nel corso degli anni, nonostante il ripascimento fatto dall’amministrazione Giulivi, la la fascia costiera è stata oggetto di una continua erosione - spiega Giulivi -  pertanto riteniamo prioritaria e tempestiva un’azione volta alla difesa delle spiagge bisognose a cui dovrà seguire l’istituzione di un “Consorzio Permanente” per la manutenzione ordinaria e straordinaria.

MARINA VELCA. «La località di Marina Velca - afferma il leader della Lega -  è un luogo che deve tornare ad essere un fiore all’occhiello della Città, proseguendo il completamento delle aree edificabili del golf, del centro sportivo e dei servizi. Parte caratteristica di questa porzione di territorio è la spiaggia Pian di Spille, 5 km di arenile sabbioso impreziosito dalla macchia mediterranea, conosciuta anche come la Grande ciambella, dove in alcuni tratti è possibile praticare il naturismo». 
LIDO. L’abitato di Tarquinia Lido nasce a fine anni ’50, nel corso del tempo ha avuto una rapida evoluzione turistica diventando in pochi anni una delle più importanti mete turistiche del Litorale laziale. Purtroppo la speculazione edilizia e l’utilizzo invasivo del cemento ha fatto si che la bellezza di questi luoghi venisse pian piano diminuita fino ad un quasi totale degrado e disinteresse da parte del turismo qualificato. Quindi come per il centro storico anche a Tarquinia Lido verrà proposto un piano di riqualificazione urbanistica e restauro delle zone più compromesse dalla speculazione edilizia. «Siamo convinti - spiega Giulivi - che per la riqualificazione turistica del Lido occorra una politica che favorisca, oltre al miglioramento della viabilità e dell’arredo urbano, la realizzazione di nuove strutture ricettive, parchi, aree attrezzate per le attività ludiche e sportive, spiagge attrezzate per diversamente abili. Solo promuovendo tutte le azioni necessarie per rendere il nostro mare un luogo dove poter vivere o trascorrere piacevolmente momenti di svago e di vacanza, potremo dirci veramente soddisfatti”. «Per questo motivo - prosegue Giulivi -  il nostro impegno sarà quello di riportare a Tarquinia Lido un turismo d’eccellenza e qualificato attratto dalla proposta di un’offerta turistica annuale e non legato ad un breve e piccolo periodo estivo. Il nuovo piano regolatore del Lido dovrà essere uno strumento indispensabile alla riqualificazione turistica della zona, consentendo il completamento del recupero urbano e ambientale che agevoli un’effettiva sistemazione e potenziamento delle reti infrastrutturali e dei servizi. Alcuni dei punti salienti del progetto di rigenerazione e riqualificazione di Tarquinia Lido sono: Piano di riqualificazione acustica; Area eventi per musica dal vivo, spettacoli di cabaret, cinema all’aperto; Area camper attrezzate; Bagni pubblicI; Area mercato alimentare giornaliero e mercato settimanale; Potenziamento e riprogettazione delle pompe di sollevamento delle acque scure e degli impianti fognanti; Potenziamento e riprogettazione delle caditoie per la raccolta di acque piovane; Potenziamento delle linee di trasporto pubblico tra il Lido, Marina Velka, Riva di Tarquini e Tarquinia città, luoghi di maggiore interesse storico e stazione Ferroviaria; Ripascimento Lido di Tarquinia e Saline, creazione di un relativo consorzio di mantenimento; Adesione al Piano di Gestione “Life 09 conservazione di praterie di Poseidonia del Lazio settentrionale (POSEIDONE), al fine di vietare l’esercizio della pesca con reti da traino per reperire e reprimere qualunque forma di inquinamento biologico; Presidio polifunzionale del Lido: Attivazione Assessorato Lido, ufficio Infopoint, potenziamento degli uffici comunali e anagrafe della Polizia Municipale, Guardia Medica, Capitaneria di Porto, Vigili del Fuoco; 118;  Installazione telecamere; Isole ecologiche, raccolta differenziata; Piste ciclopedonali che collegano tutto il territorio comunale con le aree turistiche del litorale e della città di Tarquinia; Potenziamento della viabilità attraverso la creazione di un sistema di rotatorie, la realizzazione di una nuova strada che colleghi il Lido di Tarquinia alla litoranea (in prossimità di Marina Velka) riqualificazione di Viale Andrea Doria (nuova illuminazione, marciapiede, pista ciclabile, aiuole); Recupero stabilimento balneare Ex Cale per la creazione di una struttura turistico-ricettiva accessibile ai diversamente abili. Uno stabilimento che renda fruibile a tutti la spiaggia e il mare così da favorire l’integrazione sociale; Parchi urbani; Parco giochi; Nuovi impianti sportivi e aree per il fitness all’esterno; Creazione di un’area agility dog e di una spiaggia attrezzata per i cani Marina Velca; Pista ciclopedonale di collegamento tra i due consorzi; Illuminazione; Riqualificazione del campo da golf e annessi impianti sportivi; Adeguamento rete e potenziamento condotta idrica e fognaria; Potenziamento dei servizi dato l’aumento delle unità abitative nell’arco dell’intero anno; Ponte di collegamento tra Tarquinia Lido e Marina Velca Sant’Agostino; Parcheggio; Riqualificazione delle strade di accesso; Toponomastica; Illuminazione; Segnaletica e viabilità; Arredo urbano; Riqualificazione della Pineta San Giorgio; Realizzazione collettore idrico e fognario; Regolarizzazione dell’urbanizzazione nel rispetto delle competenze dei relativi consorzi Campeggi; infine il PUA: procedere all’aggiornamento del piano utilizzo arenili al fine di adeguarlo alle esigenze attuali e le ragazze delle Scuole  Superiori».

(23 May 2019 - Ore 06:13)

Commenti

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

Commenti

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.
Archivio PDF

LA PROVINCIATV

Inviaci le tue foto
Meteo Lazio

NOTIZIE DALLE AZIENDE

ENERGIA E AMBIENTE

ROMA E REGIONE

ITALIA E MONDO



Quotidiano telematico fondato nel 1999 da Massimiliano Grasso - © Copyright Retimedia, c.f. 10381581007 - Reg. Trib. di Civitavecchia n° 2/2000 del 30/8/00 - ISSN 2037-9471 - Direttore responsabile Luca Grossi
Riproduzione riservata.
E' vietato ogni utilizzo di testi, foto e video senza il consenso scritto dell'editore - Privacy Policy